28/08/2018

PARLA IL DIFENSORE ANDREA MARANGON DELL'OLIMPICA DOSSOBUONO

PARLA IL DIFENSORE ANDREA MARANGON DELL'OLIMPICA DOSSOBUONO

Ha le idee chiare il nuovo difensore dell olimpica dossobuono Andrea marangon. Vuole riaprire un nuovo ciclo in maglia giallorossa dopo aver salutato il peschiera dove Ŕ cresciuto. Gli abbiamo fatto cinque domande.
Hai salutato a malincuore il Peschiera?
Perché avevo voglia di riscattarmi a Dossobuono ero giÓ stato qui. ╚ arrivata l occasione giusta e mi son detto perché no. A peschiera sono stato molto bene. Un gruppo di amici ed una societÓ seria. Ci sentiamo spesso e quando ci troviamo beviamo una birretta assieme.
Che tipo di societÓ hai trovato a dossobuono?
Ottima. Ben preparata con la giusta ambizione. Li conoscevo. Hanno le idee chiare e sanno cosa vogliono da noi giocatori. Vogliono dire la loro in prima categoria. Io sono pronto e dar˛ il massimo.
Conosci mister meneghetti?
No ci ho parlato venti giorni fa e mi ha fatto un ottima impressione. Leader carismatico grande lavoratore. Ci farÓ correre molto ne sono certo. Ha sempre fatto bene ovunque e andato. Vuole costruire un olimpica vincente.noi giocatori siamo il fulcro, pronti a dargli una mano.
Chi tipo di campionato ti aspetti Andrea
Molto difficile. Ci sono tante squadre ben attrezzate pronte a stupire. Una mini promozione insomma. Tra nei promosse e retrocesse dalla promozione. Non saprei dire il nome di una favorita, hanno tutte rafforzato con criterio la Propria rosa. Noi dobbiamo concentrarci al meglio in ogni partita desiderosi di dimostrare la nostra forza in campo con umiltÓ. Abbiamo tutti gli ingredienti per fare molto bene. Siamo buoni giocatori con diversi giovani interessanti.
Come ci lasciamo?
Augurando un sonoro in bocca al lupo al pianeta dilettanti. ╚ bello giocare al calcio con passione ed entusiasmo. Ogni giorno bisogna dare il meglio nla vita e nello sport. Io sono orgoglioso di essere tornato all' olimpica. Una societÓ che vuole ritagliarsi un piccolo sogno. Io non voglio perdere l' attimo fuggente.

Con gli altri inserimenti del portiere classe 2000 Michele Beghin, il difenssore Filippo Caldana 2000, i centrocampisti Matteo Cereda, Nicola Dionisi, Antonio Gioia ed Alberto Nortilli e la riconferma degli attaccanti Michele Peroni , Lorenzo Baraldi, Mattia Gandolfi ed il guizzante Bruno Pascarella, l'Olimpica pu˛ recitare un ruolo di primo piano nel campionato di Prima categoria. Se la dovrÓ vedere con compagini terribili come San Zeno, Lugagnano. Montebaldina Consolini con forte sete di rivincita.

E' proprio vero la stagione prossima promette fuochi d'artificio. Stiano attenti i malati di cuore..

Roberto Pintore